Acufene: che cos'è e come si manifesta?

Acufene o tinnito: tutte le cause, sintomi e rimedi per il fischio all'orecchio

Avverti un fischio o un ronzio nelle orecchie? Scopri le origini dell'acufene, come prevenirlo e i possibili rimedi.

Che cos'è l'acufene?

L’acufene è un disturbo uditivo che si manifesta come una sensazione acustica, in alcuni casi particolarmente fastidiosa, avvertita anche se nessuna sorgente esterna l’abbia generata. Avvertito sotto forma di fischi, ronzii, fruscii, sibili e altri innumerevoli suoni, può interessare un solo orecchio, entrambi o più genericamente può essere localizzato al centro della testa.

Vieni a scoprire come possiamo aiutarti in un nostro store Prenota ora

La popolazione di età compresa tra i 45 e i 75 anni è quella più interessata da questo sintomo, che si presenta con un ronzio o rumore nelle orecchie

I sintomi con cui si presenta l'acufene

Il principale sintomo con cui si presenta l'acufene è la sensazione cosciente di un fischio o di un ronzio avvertito in uno o entrambe le orecchie. Quello che frequentemente causa un aumento o una diminuzione della percezione dell’acufene è il livello di rumorosità ambientale che determina o meno un “effetto mascheramento”: percepito a bassissima intensità in luoghi rumorosi, ad esempio nei centri commerciali, può essere particolarmente fastidioso la sera o durante la notte tale da determinare difficoltà di addormentamento. Proprio durante il sonno, a causa di un fenomeno denominato bruxismo, può insorgere l'acufene. In molti avvertono invece l'acufene in maniera più marcata in occasione del risveglio mattutino: si parla, in questo caso, di acufene al risveglio

Un acufene ad alto volume è più difficile da controllare e rischia di incidere negativamente sulla qualità della vita.

Perché si manifesta l'acufene o tinnito?

Diverse sono anche le cause alle quali può essere associato: dal calo uditivo all’esposizione al rumore, all’utilizzo prolungato di alcuni farmaci ototossici, a un dolore cervicale dovuto a posture scorrette, allo stress. 

Le cause dell'acufene più comuni

Danno da rumore

Rumori forti, musica e concerti possono danneggiare le cellule sensoriali dell'orecchio interno. Nel peggiore dei casi, possono anche portare a un trauma acustico, che può anche essere causato da un duro colpo alla testa, una lesione al cranio o lo scoppio di fuochi d'artificio. A causa del danno al nervo uditivo, vengono percepiti solo pochi o nessun segnale. L'acufene riempie questa lacuna con un sibilo permanente o un segnale acustico. In ambienti rumorosi, dovresti sempre indossare una protezione acustica per proteggere l'udito.

Orecchio tappato per via del cerume

Un tappo di cerume può anche essere causa di rumori nelle orecchie, in quanto i rumori provenienti dall'esterno possono essere uditi solo in maniera ovattata e la capacità uditiva è ridotta. Il tappo può essere rimosso professionalmente da un otorinolaringoiatra, in modo che anche i sintomi dell'acufene scompaiano.

Stress mentale e fisico

Anche se lo stress non è direttamente correlato allo sviluppo dell'acufene, i fattori psicologici possono certamente favorire o addirittura intensificare i rumori nelle orecchie.

Problemi cardiovascolari

Il rumore nelle orecchie può verificarsi in pazienti con calcificazione vascolare a causa di disturbi circolatori o aumento della pressione sanguigna e può essere espresso come ronzio nelle orecchie. In questo caso è necessario consultare uno specialista per un check-up cardiovascolare.

Otite media o infezioni simil-influenzali

Può anche capitare che le orecchie siano tappate a causa di un comune raffreddore e i rumori esterni siano percepiti come smorzati. Di norma, i sintomi scompaiono in concomitanza con la scomparsa del raffreddore. Nel caso dell'otite media cronica, invece, i batteri possono entrare nel condotto uditivo, il che può portare a danni permanenti alle cellule uditive.

Diagnosi ed esami per acufene

Se il ronzio nelle orecchie dura più di un giorno o due, è necessario consultare un otorinolaringologo. Una diagnosi di acufene viene accertata rapidamente dal medico. Sono disponibili vari metodi:

In un primo passaggio, un otorinolaringoiatra porrà alcune domande specifiche al fine di ottenere un quadro accurato dei sintomi. Il condotto uditivo e il timpano verranno quindi esaminati per rilevare eventuali cambiamenti visibili. Anche il naso e la gola dovrebbero essere controllati. Ha anche senso testare l'udito per fare una diagnosi.

I diversi rumori nelle orecchie

Rumore nell'orecchio destro o sinistro

Il rumore nelle orecchie può verificarsi solo nell'orecchio destro o in quello sinistro, oppure più spesso in entrambi nello stesso momento. Se al rumore nelle orecchie si aggiunge una sensazione di pressione o di orecchio ovattato, questo potrebbe essere un segno di un'improvvisa perdita dell'udito. Se i sintomi persistono, è necessario consultare un otorinolaringologo.

Alcune persone hanno maggiori probabilità di sentire un sibilo alle orecchie e percepire il battito del proprio cuore. A differenza dell'acufene "reale", questo sibilo può essere percepito anche dal medico attraverso uno stetoscopio ed è spesso causato da cambiamenti nei vasi sanguigni, ad esempio a causa di costrizioni.

Ronzio nelle orecchie e tinnito

Il ronzio nelle orecchie non è altro che il tinnito. Soprattutto, i rumori a breve termine nell'orecchio sono descritti come "ronzio nelle orecchie"; questi derivano ad esempio da esposizione a musica ad alto volume, concerti o altri rumori. Tuttavia, il ronzio nelle orecchie può anche essere causato da fattori fisici come un'otite media o un corpo estraneo nell'orecchio. Un'altra causa comune può essere lo stress. Il ronzio nelle orecchie combinato con le vertigini è un segno caratteristico della perdita improvvisa dell'udito e della cosiddetta malattia di Menière.

I rumori possono essere espressi come fischi, segnali acustici, ronzii, colpi o schiocchi nell'orecchio. Le persone colpite spesso descrivono i rumori come toni molto acuti che si verificano in modo continuo e monotono.

Fischio nell'orecchio

Il fischio costante nell'orecchio si divide in acufene soggettivo e oggettivo. L'acufene soggettivo è una forma più comune, per il quale il segnale acustico dell'orecchio è l'espressione di un'elaborazione uditiva modificata. Nell'acufene oggettivo, il suono esiste effettivamente nella testa ed è spesso dovuto alla vasocostrizione. Con entrambi i tipi, possono verificarsi sintomi come segnali acustici, fischi o sibili nell'orecchio. L'acufene è spesso il risultato di un rumore che ha danneggiato le cellule sensoriali della coclea nell'orecchio interno.

Pulsazioni e battito cardiaco nell'orecchio

Ciò che il paziente percepisce come un normale rumore pulsante nell'orecchio è rappresentato dal flusso del sangue. I pazienti lo descrivono anche come la sensazione di percepire il proprio battito cardiaco nell'orecchio.

Quando il rumore all'orecchio aumenta e diminuisce con il ritmo del battito cardiaco, l'acufene è chiamato pulsante. Ad esempio, una possibile causa del pulsare nell'orecchio è l'ipertensione. Altre cause di acufene pulsante possono anche essere gli effetti collaterali di alcuni farmaci ototossici.

Tipi di acufene: oggettivo o soggettivo

Esistono due tipi principali di acufene:

Acufene oggettivo: l'acufene oggettivo si verifica in un vaso sanguigno vicino all'orecchio. La forma di acufene può quindi essere avvertita dall'esterno ed è misurabile dal punto di vista medico mediante uno stetoscopio nell'orecchio del paziente. Un acufene oggettivo è piuttosto raro ed è spesso un effetto collaterale di un'altra malattia, come malattie cardiovascolari o ipertensione.

Acufene soggettivo: l'acufene soggettivo, d'altra parte, è percepito esclusivamente dai pazienti stessi. Al momento non è possibile spiegarne completamente l'origine. Si sospetta che le cellule ciliate danneggiate o i tratti nervosi trasmettano segnali errati al cervello o che le informazioni dal nervo uditivo non possano arrivare o essere elaborate correttamente nel cervello. L'acufene soggettivo si presenta significativamente più spesso dell'obiettivo. Le cause possono essere varie, ad esempio:

Acufene acuto o cronico

Questi due tipi di acufene differiscono principalmente per la loro durata. Ci si riferisce ad acufene acuto quando il ronzio nelle orecchie non dura più di tre mesi. L'acufene acuto può diventare cronico. Con una durata da quattro a dodici mesi, si parla di acufene subacuto. Se i sintomi durano tre mesi o più e il rumore dell'orecchio è permanente con intensità variabile, si tratta di un acufene cronico. L'acufene cronico può a sua volta essere oggettivo o soggettivo.

Ci sono rimedi per l'acufene?

Alcune volte l’acufene può determinare ripercussioni sulla qualità di vita che si manifestano con disturbi del sonno, ansia, nervosismo, difficoltà di concentrazione, stress, fino a disturbi depressivi o d’ansia. Amplifon da molti anni fornisce tutti gli strumenti necessari ad una corretta terapia del suono, secondo le più recenti linee guida riguardanti il trattamento degli acufeni.

Che cos'è l'acufene pulsante

L’occasionale percezione del proprio battito cardiaco nell'orecchio, meglio definita come acufene pulsante, rientra nella categoria degli acufeni oggettivi, in quanto rumore realmente prodotto da una fonte sonora.

Voglio saperne di più
Che cos'è l'acufene notturno

Durante le ore serali o notturne i suoni e i rumori ambientali vengono meno o si riducono notevolmente, facendo sì che l’acufene possa sembrare più intenso rispetto alle ore diurne. 

Voglio saperne di più

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro