Otite

Scopri di più sulla condizione delle tue orecchie

Una delle infezioni più comuni dell'orecchio: come si riconosce e cura

L'otite è spesso indicata come l'infiammazione dell'orecchio. L’otite può svilupparsi a partire da raffreddore o infezioni alla gola e colpisce soprattutto i bambini. Ci sono diverse forme di otite, a seconda di dove si verifica dentro e intorno all'orecchio.

Se sospettate qualche impatto sul vostro udito, non esitate a prenotare un appuntamento nei nostri centri - siamo qui per aiutarvi.

Che cos’è l’otite?

L’otite è un’infezione dell’orecchio che può avere origine virale o batterica e decorso cronico o acuto. Spesso si verifica a seguito o in concomitanza a un raffreddore o a un’infezione alla gola.

L'otite è un'infezione che avviene comunemente nell'orecchio medio ed è quindi conosciuta come Otite Media. Tuttavia, può anche formarsi nel condotto uditivo esterno (Otite Esterna) e nel profondo dell'orecchio (Labirintite).

L'infiammazione provoca un rossore o gonfiore alla parte interessata dell'orecchio che può causare mal di orecchio e febbre. I sintomi di otite tendono a diminuire dopo pochi giorni, ma se non dovesse essere così è importante consultare un medico.

I diversi tipi di otite

Otite media

L'otite media è riconoscibile dalla presenza di liquido (con o senza pus), chiamato essudato e prodotto dall'infiammazione nella cavità dell'orecchio medio, situato proprio dietro il timpano. Si verifica quando la tromba di Eustachio viene bloccata per vari motivi. La funzione della tromba è di drenare il fluido prodotto nell'orecchio medio, quindi quando è intasata, è possibile che questo fluido si accumuli e si possa verificare un'infezione.

È uno dei problemi uditivi più frequenti durante l'infanzia e uno dei principali motivi di consulto con il pediatra. Sia di origine virale o batterica, la persistenza di questo problema per diversi mesi può portare alla perdita dell'udito nei bambini. Il sintomo principale è la presenza di dolore all'orecchio, accompagnato o no dalla suppurazione. Questi casi possono essere accompagnati da altri sintomi come febbre, sensazione di disagio generale e irritabilità.

Otite esterna o orecchio del nuotatore

Anche nota come "orecchio del nuotatore", l'otite esterna è l'infiammazione della pelle del canale uditivo esterno, che trasporta i suoni dall'esterno al timpano. In genere, questo tipo di otite si verifica solo quando il nostro orecchio viene a contatto intensamente con l'acqua, come in spiaggia o in piscina, poiché favorisce lo sviluppo di funghi e batteri. Anche se questo non è sempre il caso, altre volte può anche essere causato da allergie, eczema, ferite da graffio o danni all'orecchio causati da alcuni oggetti. Il sintomo principale è il mal d'orecchio, che può variare dal semplice disagio al forte dolore.

Se hai dei dubbi, non aspettare

Prenota un controllo gratuito con un esperto Amplifon. 

Come prevenire l'otite?

Esistono semplici azioni quotidiane per prevenire le infezioni alle orecchie:

  • Evita temperature e umidità eccessive negli ambienti domestici.
  • Asciuga le orecchie dopo la doccia o il bagno e proteggile in inverno quando esci.
  • Lavati bene le mani dopo aver tossito o starnutito.
  • Evita il contatto con persone malate da molto tempo, l'otite è una malattia contagiosa.
  • Prenditi cura di malattie come raffreddori o rinofaringite.
  • Richiedi un appuntamento con un otorinolaringoiatra se vengono identificati sintomi indicativi di infezioni alle orecchie.

La diagnosi dell'otite nei bambini

Sarà il pediatra che potrà diagnosticare con certezza l’otite. Grazie all’utilizzo dell’otoscopio o del microscopio, valuterà attentamente lo stato di salute del timpano, che generalmente, in caso di otite,  appare rosso ed infiammato. 

I bambini, soprattutto in età prescolare, risultano essere i più colpiti. Le ragioni sono soprattutto di natura anatomica. Nei più piccoli la tuba di Eustachio, il canale che collega le cavità nasali all’orecchio, è più stretta e corta e in posizione orizzontale. Ciò facilita il passaggio di virus e batteri nella tuba stessa e nell’orecchio medio. Una volta raggiunto quest’ultimo, virus e batteri favoriscono la produzione di pus che riempie la cavità e preme sulla membrana timpanica, provocando forte dolore.   

Prenota un controllo dell'udito

Gli esperti Amplifon sono formati per effettuare controlli dell'udito anche nei più piccoli. Affidati alla loro professionalità e prenota una visita gratuita.

Come si può curare l'otite?

In seguito ad un’adeguata valutazione della membrana timpanica e dell’orecchio medio in generale, il pediatra stabilirà la terapia più appropriata, che di solito varia in base all’età del bambino. Se il piccolo ha meno di un anno, si procede tendenzialmente con l’immediata prescrizione dell’antibiotico. Diversamente, si adotta la strategia della vigile attesa: si aspetta un paio di giorni per valutare come evolve la situazione e , solo se le condizioni di salute del piccolo non sono migliorate, si procede con l’assunzione dell’antibiotico.    

Rimedi naturali, gocce e antibiotici

Tra i rimedi più semplici che si possono adottare per curare e addirittura prevenire l’otite vi sono i lavaggi nasali, da effettuare con comuni soluzioni fisiologiche; in aggiunta si può far dormire il bimbo su un cuscino alto, in modo da esercitare una minor pressione sul timpano. In caso di otite siero-mucosa l’otorinolaringoiatra punta per lo più su medicamenti espettoranti in combinazione con gocce nasali decongestionanti. Se l’otite siero-mucosa è di origine batterica possono essere opportuni anche antibiotici e antidolorifici. Un’infiammazione acuta del condotto uditivo viene trattata con la pulizia del condotto effettuata da un otorinolaringoiatra e con gocce antinfiammatorie per le orecchie. In molti casi una lesione lieve del timpano guarisce spontaneamente. Se la lesione è grave, può rendersi necessario intervenire chirurgicamente. I corpi estranei nell’orecchio devono essere rimossi professionalmente da un medico, così da garantire che non penetrino per errore ancora più profondamente nel condotto.

Otite cronica

Al contrario dell’otite acuta, l’otite media cronica causa dolori poco pungenti, è tuttavia molto più pericolosa. Nella forma cronica le mucose dell’orecchio medio continuano a infiammarsi e restano infiammate a lungo. Ne può essere indice una secrezione continua dall’orecchio (otorrea) e spesso anche un peggioramento della capacità uditiva. In presenza di un’otite media cronica spesso è necessario un intervento operatorio per prevenire un danno permanente dell’udito. È inoltre necessario evitare quanto più possibile che penetri acqua nell’orecchio.

Si può diagnosticare attraverso un’otoscopia ed eventualmente altri esami, una diagnosi precoce è fondamentale per poter lenire quanto più rapidamente possibile il dolore.

Il Gruppo Amplifon

In Italia ha una rete di oltre 700 centri e più di 3.000 Amplifon point, punti di assistenza. Nel mondo è presente in 25 Paesi e in tutti e 5 i continenti, con più di 9.200 punti vendita e circa 18.600 dipendenti e collaboratori. Affidati al leader di settore e prenditi cura del tuo udito.

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro