Come si sviluppa l’udito nel feto

Ultimo aggiornamento Feb, 12, 2019

L’udito, il primo dei sensi a svilupparsi nel grembo materno, è di fondamentale importanza per un iniziale contatto del piccolo con il mondo esterno. Se nelle prime settimane di gravidanza non esiste un vero e proprio apparato uditivo ed i suoni vengono percepiti sotto forma di vibrazioni (onde sonore), è verso la ventesima settimana che il piccolo può iniziare a sentire la voce di mamma e papà. Vediamo come, settimana dopo settimana, si sviluppa l’udito nel feto. 

Tappe dello sviluppo dell’udito nel feto

Inizialmente, la percezione di stimoli sonori e tattili viaggia attraverso le medesime vie nervose, che non si sono ancora differenziate. Proseguendo accade che, verso la terza settimana di vita,  l’orecchio inizia a formarsi e giunti alla sesta settimana anche la coclea si dispone nella sua classica formazione a spirale. Da qui in poi, quattro sono le principali tappe che segnano lo sviluppo dell’udito nel feto.

•    Ottava settimana: una volta che la coclea si è formata, anche l’orecchio medio inizia a delinearsi; 
•    Undicesima settimana: si sviluppano membrana timpanica e timpano;
•    Ventunesima settimana: la coclea si collega alla corteccia cerebrale. Si avvia così il processo di riconoscimento e memorizzazione dei suoni;
•  Ventiquattresima settimana: il piccolo comincia a sentire attraverso l’orecchio. Tale tappa segna l’inizio di una prima forma di attività cerebrale. 

Cosa sente il piccolo nel pancione

Verso la trentesima settimana l’udito del feto ha raggiunto uno sviluppo tale per cui è in grado di percepire i rumori materni di fondo, in particolare il battito cardiaco. Solo successivamente distinguerà le voci di mamma e papà. In questa fase è quindi molto importante cominciare a parlare al piccolo in modo che abbia tutto il tempo per memorizzare i suoni a lui cari e riconoscerli dopo la nascita.

Al tempo stesso, è buona norma evitare di esporre l’udito del feto a stimoli sonori particolarmente intensi, per evitare di disturbare eccessivamente il piccolo. Recenti studi hanno evidenziato come l’esposizione a rumori intensi provochi un aumento dei battiti cardiaci e dei movimenti fetali, a differenza della musica melodiosa che rilasserebbe il piccolo

AmpliNews

Scopri tutte le novità sull'udito e sulle soluzioni audiologiche.
Scopri di più

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro