Gli auricolari sono pericolosi?

Cuffie, auricolari: i pericoli del volume troppo alto
Ultimo aggiornamento Apr, 27, 2022

Li usiamo sempre di più, in ogni momento della nostra giornata, ma gli auricolari bluetooth sono pericolosi? Cerchiamo di fare chiarezza. Gli auricolari senza fili da qualche anno sono entrati in maniera importante nel mercato e, di conseguenza, nella nostra quotidianità ed esistono già numerosi studi sugli effetti del loro utilizzo. Una ricerca australiana condotta dalla Bond University sostiene che un utilizzo non eccessivo di questi dispositivi non provoca in genere nessun problema ma, se impiegati per tempo prolungato, possono portare a una serie di disturbi legati per lo più al danno da rumore

L'utilizzo costante di cuffie e auricolari fa male?

Cuffie e auricolari sono diventati compagni fondamentali e indispensabili aiutandoci ad affrontare telefonate di qualsiasi tipo in totale libertà. Due sono le fazioni principali: chi ama le cuffie che si posizionano sopra all’orecchio, senza andarle ad inserire nel padiglione auricolare, e chi invece preferisce le cuffie in-ear, che si introducono direttamente nell’orecchio. Al netto di questa prima differenziazione basata sulle preferenze di chi le utilizza, di seguito nel dettaglio le varie tipologie di cuffie:

  • cuffie aperte: hanno una superficie traforata che garantisce una buona dispersione del suono e una minore pressione sonora all’interno dell’orecchio. Grazie a questo meccanismo, il volume può essere aumentato costantemente, mantenendo però sempre l’accorgimento di non alzarlo eccessivamente nell’intento di cercare di contrastare i rumori di fondo che provengono dall’ambiente.
  • cuffie chiuse: forniscono un buon isolamento dai rumori ambientali, grazie ai cuscinetti da cui sono composte. È possibile utilizzarle senza alzare eccessivamente il volume, alleviando dunque lo stress uditivo che viene causato dal rumore alto. 
  • cuffie in-ear: garantiscono un isolamento importante dai rumori esterni, più delle cuffie chiuse perché inserite direttamente nel padiglione auricolare. Secondo gli esperti, è sempre bene non utilizzarle con volumi eccessivi e per un periodo di tempo prolungato, al fine di prevenire il danno da rumore. Una buona tecnica, è quella di seguire la regola del 60-60: ascoltare musica in cuffia consecutivamente per non più di 60 minuti ad un volume che non vada oltre il 60%

In questi ultimi anni l’utilizzo delle cuffie è aumentato in maniera esponenziale: la permanenza spesso forzata a casa ha portato ad utilizzarle anche in momenti in cui prima non erano necessarie come, ad esempio, per svolgere i meeting lavorativi. Questa pratica si estende spesso per tutta la giornata, portando all’utilizzo anche durante la serata e a letto con un impiego, di fatto, continuo e costante, fino ad arrivare all’abuso. 

Pandemia da Covid-19 e rischi dello smartworking

Covid e smart working sono diventati un binomio inscindibile negli ultimi anni, in cui il distanziamento, ma in generale la distanza fisica, è stato di fatto sempre privilegiato. È innegabile che con la pandemia si sia registrato un aumento notevole dell’utilizzo delle cuffie per le conference call, anche fra chi prima le utilizzava solo in maniera sporadica. Questo fenomeno non ha coinvolto soltanto gli adulti ma anche i più giovani, costretti a seguire le lezioni online o a sostituire l’uscita serale con la videochiamata di gruppo per le quali gli auricolari sono divenuti indispensabili, sia per motivi di tranquillità domestica, che di privacy. In un contesto di lavoro da remoto, tutti siamo dunque esposti in maniera più massiccia a rumori forti per le nostre orecchie causati da cuffie e auricolari che sono diventati l’unica via a disposizione per condividere gli spazi in casa, permettendoci di svolgere tutte le attività. 

Gli esperti sostengono che i rischi per l’udito dipendano principalmente da due fattori: la durata dell’esposizione al suono e l’intensità del rumore. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare però, non è tanto il secondo fattore ad inficiare, quanto il primo: un’esposizione prolungata e duratura può portare infatti a gravi danni all’udito, soprattutto se accompagnata da disturbi del comportamento come fatica, stress, nervosismo e perdita della concentrazione.

Danni delle cuffie sull'udito

Cuffie e danni all’udito: qual è la correlazione? Molte ricerche hanno dimostrato che il problema principale correlato ai danni delle cuffie sull’udito sia causato principalmente dall’utilizzo prolungato delle stesse, oltre che dall’ascolto di musica ad un volume eccessivo. Questo, vale per tutte le fasce di età: adulti e ragazzi più o meno giovani, impiegati in attività diverse, ma accomunati dal medesimo comportamento. 

Gli effetti della prolungata esposizione al rumore elevato per le nostre orecchie e per l’apparato uditivo portano sempre più spesso a diagnosi, quasi giornaliere, di traumi acustici sia acuti che cronici provocati da stress ossidativo sulle cellule nervose. Chi ne è interessato lamenta vari sintomi, fra i quali:

  • l'ovattamento auricolare, ovvero la sensazione di pressione nell’orecchio e pienezza al suo interno;
  • l’acufene, un fastidioso rumore auricolare simile a un fischio o un ronzio;
  •  la diminuzione del livello uditivo.
  • il dolore all’orecchio, uno dei sintomi principali di un disturbo, accanto alla difficoltà uditiva, in particolare nel caso di traumi acustici acuti. 

I sintomi descritti possono essere temporanei ma possono diventare permanenti, soprattutto se causati da esposizione al rumore scorretta e continuativa. L’apparato uditivo umano è capace di compensare bene la presenza di un danno da trauma acustico, di cui spesso  ci si accorge troppo tardi, quando è già divenuto permanente.

Dunque, i fattori che concorrono a stressare l’apparato uditivo sono molteplici: il tempo e un uso prolungato, quotidiano e pressante di cuffie auricolari, in-ear e simili può causare veri e propri danni permanenti. È dunque bene fare attenzione, evitandone il più possibile un uso continuativo delle cuffie. 

Le Airpods e il Bluetooth sono pericolosi?

Spesso si incorre in una falsa diceria sulla correlazione tra bluetooth e danni alla salute. Queste credenze hanno preso piede in seguito ad alcuni dubbi che hanno coinvolto la comunità scientifica nel 2015 sul fatto che gli airpods siano pericolosi per la nostra salute: in un appello pubblicato sulla rivista Medium, 247 scienziati di 42 Paesi si sono infatti detti preoccupati dell’eccessiva esposizione ai campi elettromagnetici provocati dai dispositivi bluetooth.

Negli anni successivi però non sono state portate evidenze scientifiche a supporto di questa tesi: i recenti studi hanno dimostrato che le radiazioni generate dagli apparecchi bluetooth hanno una pericolosità inferiore di quelle emesse dagli smartphone stessi e, in generale, l’emissione di onde elettromagnetiche è talmente bassa da risultare irrilevante. Il protocollo Bluetooth, infatti, usa le stesse bande di frequenza a 2.4 GHz del wi-fi, ma con una potenza inferiore.  

Dunque, mantenendo un utilizzo sano e non prolungato nel tempo, le cuffie wireless non fanno male alla nostra salute, o perlomeno non hanno un effetto più negativo di quello causato dalle altre cuffie. 

Livello del suono in decibel accettabile

Per isolarsi ed escludere gli altri suoni e rumori esterni spesso, quando si è per strada o sui mezzi, si usano le cuffie o gli auricolari, alzandone il volume. Per legge, il limite raggiungibile dalle cuffie che supportano lettori CD portatili è stato stabilito a 100 decibel, ma le cuffie vendute singolarmente possono superare questa soglia, anche ampiamente.

Per rendere più chiaro il paragone, 110-120 decibel è la potenza di suono di una motosega in azione o di un jet al decollo, mentre il suono della voce umana raggiunge i 30-40 decibel. A questo, si aggiunge il fatto che la scala decibel è una scala logaritmica ovvero, per ciascun incremento di 10 decibel, il potere del suono viene moltiplicato per 10. Inoltre, gli studi evidenziano che il livello di intensità raccomandato non dovrebbe andare oltre gli 85 decibel per un ascolto di 8 ore al massimo durante tutta la giornata: ad un livello di 100 decibel, il danno potrebbe arrivare invece dopo soli 15 minuti.

L’Unione europea, per cercare di limitare questo utilizzo spropositato e, di conseguenza, gli effetti negativi per la salute uditiva, ha commissionato uno studio per imporre ai produttori di apparecchi tecnologici dei limiti nell’erogazione del suono, ma siamo ancora in attesa che le linee guida vengano diffuse nel mercato. Nel frattempo, è sempre bene regolare il volume degli apparecchi per non danneggiare l’udito

Effetti del rumore forte sulla salute

I rumori forti possono causare problemi non solo connessi all’apparato uditivo, ma più in generale a tutto l’organismo: i traumi acustici causati dal rumore forte possono andare dall’orecchio ovattato dopo un forte rumore all’aumento della pressione sanguigna, a disturbi al cuore, fino a disturbi del sonno e stress. Se è vero che non c’è un’età specifica per la manifestazione di queste problematiche che possono infatti affliggere tutti, i bambini possono soffrirne in modo particolare

Effetti dell'utilizzo delle cuffie sul cervello

La musica ha numerosi effetti positivi sull’organismo, tutti ampiamente documentati da studi: riduce il battito cardiaco, la frequenza respiratoria, la sudorazione, la tensione muscolare e influisce sul sistema nervoso autonomo, oltre a intervenire nelle dinamiche che riducono il dolore. Tuttavia, la musica può anche avere effetti collaterali negativi se viene consumata a livelli sonori intensi, soprattutto se si prolunga nel tempo e viene ascoltata con le cuffie nell’orecchio. 

Non si può però arrivare a sostenere che le cuffie fanno male al cervello, perché di fatto non ne viene influenzato direttamente. Ci sono dei modi indiretti però per cui le cuffie possono avere un impatto negativo. Un esempio che va in questa direzione è correlato agli studi che le radiazioni delle cuffie hanno sul cervello, anche se, come anticipato prima, nulla è stato ancora dimostrato. 

Molte persone non sono consapevoli però degli effetti psicologici che le cuffie possono causare: la ricerca è ancora in corso ma ci sono studi che hanno messo in luce un impatto sul cervello, evidenziando una elaborazione cognitiva più lenta che porta a una conseguente attenzione minore e ad abilità verbali ridotte, ma anche ad effetti psicologici causati dalla distorsione audio. 

Ascoltare musica ad alto volume può dare il via a comportamenti che danno dipendenza e che possono causare effetti dannosi sulla coclea, una componente interna dell’orecchio. 

Effetti delle cuffie sulla salute delle orecchie

Gli auricolari possono influenzare non solo il nostro udito, ma anche il corretto funzionamento delle nostre orecchie. Infatti, spesso alcuni possono lamentare un dolore alle orecchie da cuffie e, soprattutto i bambini, spesso si rivolgono ai genitori dicendo frasi del tipo “le cuffie mi fanno male alle orecchie”. Indossare le cuffie tutto il giorno non lascia le orecchie senza conseguenze. Varie sono le manifestazioni, anche dolorose, che possono essere causate dall’utilizzo continuato delle cuffie:  

  • tappo di cerume: la produzione di cerume è un processo normale per le nostre orecchie perché protegge da batteri, insetti e previene le infezioni. le cuffie rendono il cerume meno fluido e, di conseguenza, più difficile da espellere naturalmente, permettendo la formazione di blocchi compatti con conseguenti dolore e infiammazione; 
  • ostacolo alla ventilazione ed effetto occlusione : normalmente l’aria previene l'essiccazione del cerume umido e ne favorisce la fuoriuscita spontanea; inoltre, un condotto sottoposto all'inserimento di un corpo estraneo come le cuffie risulta non ben ventilato,  trattiene il sudore e l'umidità nelle orecchie, ed è più incline alle otiti esterne da infezione batterica e fungina. 
  • riduzione dell'igiene generale dell'orecchio: questo è ulteriormente amplificato se i cuscini auricolari non sono puliti correttamente o se sono contaminati da batteri o agenti infettivi.

Come utilizzare cuffie e auricolari in maniera sicura?

Un buon ascolto musicale o una chiacchierata al telefono utilizzando le cuffie non devono essere bandite in assoluto: evitare in toto l’utilizzo delle cuffie per paura di problematiche correlate all’apparato uditivo non è una buona strada, così come la soluzione drastica di non ascoltare più musica. È bene infatti utilizzare qualche piccolo accorgimento, fondamentali per evitare modalità scorrette di consumo del suono. Vediamoli di seguito.

Buone abitudini da adottare durante l'ascolto

Alcune buone abitudini possono aiutare a impostare una routine corretta per il nostro apparato uditivo. È sempre bene:

  • variare la modalità di ascolto del suono: non solo auricolari o cuffie, ma anche altoparlanti portatili, oppure direttamente dal computer in modalità di ascolto remoto naturale;
  • moderare il volume e la durata dell’ascolto: gli esperti consigliano di utilizzare il volume fino al 60% della capacità massima, definita dagli esperti come la soglia di ascolto sicuro, per non più di 60 minuti consecutivi. Gli smartphone e gli altri dispositivi audio sono dotati di funzionalità speciali che possono misurare i livelli di esposizione e rendere noto da subito agli utenti il rischio di perdita dell’udito. Un aiuto può arrivare anche da applicazioni disponibili su smartphone che visualizzano i livelli di intensità da decibel e indicano se l’esposizione a questo livello di rumore presenta un rischio;
  • offrire all’orecchio il tempo di recupero necessario;
  • utilizzare impostazioni “psicoacustiche” su smartphone: dalla ricerca arrivano soluzioni pratiche per la nostra salute, infatti gli ingegneri hanno sviluppato una modalità di elaborazione dei suoni che permette agli utenti di provare le stesse sensazioni sentite attraverso un ascolto ad alta voce anche ad un volume inferiore. 

Cuffie che riducono il rumore

Le cuffie che riducono il rumore sfruttano la tecnologia avanzata di riduzione attiva del rumore per annullare il suono che proviene attorno alla persona che ascolta, qualsiasi esso sia: rumore del traffico cittadino, ufficio affollato, vocio di un locale, andando a ridurre i suoni di sottofondo fino al 92% e permettendo di concentrarsi solo sulla musica che si ascolta, sulla conversazione che si sta facendo o sul film che si sta guardando.

Le cuffie che riducono il rumore esterno sono una soluzione interessante perché prevengono un atteggiamento comune in molte persone che, per contrastare il rumore di sottofondo, tendono ad alzare il volume dei devices. Ovviamente, queste cuffie, per quanto efficaci, tendono a ridurre il rumore ambientale, non a cancellarlo del tutto: non permettono di estraniarsi dall’ambiente circostante, ci si deve immaginare più che altro un brusio di fondo. 

Cuffie a conduzione ossea

Le cuffie a conduzione ossea sfruttano, a differenza delle normali cuffie, le ossa del cranio per propagare il suono emettendo piccole vibrazioni sulle ossa poste tra mascella e mandibola, vicino all’orecchio, lasciandolo libero al contempo di sentire i suoni provenienti dall’ambiente circostante. In questo modo, l’effetto creato dai classici auricolari che portano ad un isolamento completo da quello che circonda viene meno: anche per questo, sono molto utilizzate dai runner. I benefici sono molteplici: 

  • non danneggiano i timpani e non ostruiscono il condotto uditivo, evitando così problemi all’apparato; 
  • trasmettendo il suono direttamente alla coclea, possono essere una buona soluzione per le persone con problemi di udito o affette da acufene, perché evitano la creazione di una camera di risonanza che potrebbe accentuare il problema. 

Per quanto tempo posso indossare le cuffie durante la giornata?

La regola 60-60, semplice e facile da ricordare, può aiutarci a prevenire l’insorgenza di problemi uditivi: ovvero 60 minuti di utilizzo, ad un volume pari al 60% del massimo del dispositivo. È sempre bene ricordare che più alto è il volume, più corta dovrebbe essere la durata dell’ascolto, quindi una piccola pausa, magari di 15 minuti, non può che giovare per evitare sovraesposizioni. 

Come capire se si ha un danno all'udito?

Cuffie e danni all’udito sono spesso considerati come elementi correlati: per evitare problematiche importanti, è sempre bene prestare attenzione ad alcuni segnali che possono essere dei campanelli d’allarme di un disturbo più importante. I principali sono: 

  • il volume del televisore o dal lettore musicale non è mai abbastanza alto;
  • chiedere alle persone con cui si sta parlando di ripetere ciò che hanno appena detto;
  • non capire le conversazioni telefoniche;
  • si avverte difficoltà di comprensione delle conversazioni in ambienti rumorosi. 

Uno screening uditivo è sempre un buon punto di partenza per valutare se effettivamente si soffre di qualche disturbo o di un calo uditivo e, soprattutto, per scoprire il grado di sordità, capirne le cause e comprendere il trattamento più adatto. 

Pensi di avere una perdita di udito? Fai un test dell'udito

Se pensi di avere segni di perdita uditiva, non esitare a venire a fare una valutazione gratuita dell'udito in uno dei nostri centri Amplifon: i nostri audioprotesisti saranno felici di accoglierti e valutare il tuo udito.

Prenota un appuntamento
Precedente
Successivo

AmpliNews

Scopri tutte le novità sull'udito e sulle soluzioni audiologiche.
Scopri di più

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro