11 aprile 2016
Categoria

AmpliNews

Nuovo, di facile consultazione e di piacevole lettura: diamo il benvenuto ad AmpliNews, il nuovo magazine Amplifon! Qui trovate tanti approfondimenti specialistici sull'udito resi accessibili a tutti e molti consigli su benessere, lifestyle e tempo libero.

 

11 aprile 2016
Categoria
SCOPRI DI PIU'
Indietro

Valutare la capacità di ascolto del proprio piccolo: un gesto importante

 Valutazione Udito
02 aprile 2016
Categoria Udito e Ipoacusia

Valutare la capacità di ascolto del proprio piccolo: un gesto importante

Intervenire tempestivamente sull’udito del neonato garantirà al proprio piccolo un adeguato sviluppo linguistico e cognitivo, nonché un’ottima interazione sociale.

L’udito, il principale dei nostri sensi, inizia a svilupparsi già nella vita prenatale. In questa fase, la corteccia cerebrale viene sufficientemente stimolata per abituarsi, dopo la nascita, all’assimilazione ed elaborazione dei suoni che permetteranno al piccolo di conoscere il mondo e di imparare a parlare, tra i 10 e i 18 mesi di età.
Per questo motivo, è fondamentale accertarsi che l’udito del neonato sia in buona salute. Infatti, intervenire tempestivamente su un’ipotetica ipoacusia infantile garantirà al proprio bambino un adeguato sviluppo linguistico e cognitivo, nonché un’ottima interazione sociale.

Come valutare la salute dell’udito del neonato

Un’iniziale valutazione dell’udito del neonato può essere effettuata attraverso semplici stimoli, quali tentare di attirare la sua attenzione battendo le mani o provocando un rumore alle sue spalle. Qualora lo stimolo non produca la risposta attesa, è opportuno rivolgersi al proprio pediatra che, se il bimbo ha circa 8 mesi, effettuerà il Boel Test. L’esame prevede che il medico faccia suonare un campanellino, valutando così non solo la capacità di ascolto del piccolo ma anche la sua reazione motoria e visiva. Se l’età del piccolo fosse differente e il pediatria nutrisse dubbi circa la sua capacità uditiva, certamente lo indirizzerà ad uno specialista

Cause e rimedi in caso di ipoacusia infantile

Le ipoacusie infantili possono essere genetiche o acquisite e sopraggiungere prima, durante o dopo la nascita.. Tra le principali cause prenatali si annoverano le infezioni virali o batteriche e le malattie esantematiche quali rosolia, morbillo e toxoplasmosi. Qualora invece il calo uditivo dovesse manifestarsi dopo la nascita, esso è solitamente dovuto a batteri e virus che possono portare a encefaliti, meningiti o anche a un'otite, più comune ma comunque rischiosa se trascurata.

In caso di ipoacusia accertata, sono molteplici le soluzioni acustiche che Amplifon offre da anni, anche ai più piccoli. Semplici da usare pur se ad alta tecnologia, gli apparecchi acustici Amplifon non solo amplificano i suoni, ma li elaborano in modo individualizzato, offrendo al bambino un apparecchio acustico personalizzato in base alle sue specifiche esigenze di ascolto.

02 aprile 2016

Test dell'udito online

Metti alla prova il tuo udito! Di seguito ti proponiamo un semplice e veloce test online puramente indicativo. Controllare la qualità dell'udito è un gesto di prevenzione importante per il benessere completo!

FAI IL TEST