Pressione alle orecchie fra i sintomi del Coronavirus

Ultimo aggiornamento Jul, 12, 2021

I sensi colpiti dal Coronavirus

Uno studio condotto presso il King's College di Londra suggerisce che la perdita dell'olfatto e del gusto possa essere indicatore di una diagnosi positiva di COVID 19.

L'infezione da COVID-19 rappresenta una nuova malattia sulla quale apprendiamo nuove informazioni ogni giorno. I primi dati, provenienti in particolare dalla Cina, dalla Corea del Sud e dall'Italia, indicano una frequenza di anosmia (perdita dell'olfatto) nel 30-60% delle persone colpite. Questo fenomeno è stato segnalato anche da medici che sono stati infettati dal virus. Di conseguenza, è ragionevole credere che potrebbe esserci una relazione tra il numero crescente di segnalazioni di perdita dell'olfatto e l'attuale pandemia dovuta a COVID-19.

L'ageusia, responsabile della perdita del gusto, può essere associata all'anosmia.

Anche se chiaramente, come noto, l'alta temperatura corporea e conseguente febbre e una tosse secca e continua sono i sintomi più consolidati di Covid-19, l'OMS sta ora esaminando quanto possa essere comune per le persone infette sperimentare una perdita dell'olfatto (anosmia) o del gusto (ageusia).

Secondo le conoscenze pregresse della comunità scientifica, questo tipo di disturbi generalmente passano nel tempo e i pazienti dovrebbero riguadagnare la piena funzionalità dei sensi, anche se molto dipende dall'entità del danno.

Il senso dell'udito, al contrario, non è generalmente riportato tra quelli affetti da Coronavirus, ma alcuni studi recenti suggeriscono che l'eccessiva pressione alle orecchie possa essere uno dei sintomi di COVID-19.

Pressione alle orecchie e Coronavirus

Un altro sintomo del Coronavirus, come è stato detto, è rappresentato da un'eccessiva pressione alle orecchie e la sensazione che, a causa di ciò, siano "pronte a esplodere".

In questo caso, per alleviare la tensione, è meglio non utilizzare cotton fioc perché si rischia di peggiorare la situazione.

Poiché molti dei sintomi del virus sono simili a quelli dell'influenza, questa eccessiva pressione all' interno dell'orecchio è molto probabilmente causata da tubi intasati nell'orecchio a causa del virus all'interno del sistema.

Più scientificamente parlando, quando la tromba di Eustachio (che conduce tra l'orecchio interno e l'orecchio medio) si ostruisce, ciò può conferire una sensazione di pienezza e pressione nell'orecchio, così come un udito ovattato e talvolta persino dolore all'orecchio.

Questi sintomi di congestione dell'orecchio possono anche essere causati da problemi nell'orecchio medio o nel condotto uditivo che colpiscono il timpano.

Dunque, nella maggior parte dei casi, una volta terminato l'effetto del virus la pressione all'interno delle orecchie dovrebbe normalizzarsi.

Differenze fra mal d'orecchio e Covid

Il coronavirus e un'infezione all'orecchio, come un'otite media, sono spesso accompagnati da febbre e mal di testa. Le due malattie possono essere differenziate in base agli altri sintomi. L'infezione all'orecchio è solitamente causata da un danno cutaneo alla pelle sensibile dell'orecchio, che consente ai germi di infiammare l'orecchio. Oltre a febbre e mal di testa, i sintomi tipici sono: pressione alle orecchie, mal d'orecchio, problemi di udito, problemi di sonno e problemi di equilibrio. Con un'infezione da Covid 19 si verificano in particolare tosse, raffreddore e perdita del gusto o dell'olfatto.

Variante inglese: quali sono i sintomi?

Per quanto riguarda la variante inglese, o variante delta del Covid-19, i sintomi che colpiscono l'orecchio e l'equilibrio sono simili a quelli del ceppo originario e al momento non sono state rilevate particolari differenze se non per una maggiore incidenza delle vertigini.

Gli studi principali sulla variante vengono ovviamente dalla Gran Bretagna, dove l'Office of National Statistics ha analizzato più di 6000 casi di soggetti con variante inglese. Diversi di loro hanno riportato le vertigini, capogiri e nausea come uno dei sintomi minori. Altri sintomi, decisamente più rari, relativi alla variante inglese o delta sono:

Precedente
Successivo

AmpliNews

Scopri tutte le novità sull'udito e sulle soluzioni audiologiche.
Scopri di più

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro