Hörverlust vorbeugen

In Ear Monitoring: Suono perfetto e protezione acustica ottimale

Sul palco come anche in sala prove conta ogni suono, che si faccia musica a livello professionale o per piacere privato. Per questo l’In Ear Monitoring è sempre più apprezzato dai musicisti, in quanto combina un suono pulito e personalizzato con una protezione acustica ottimale.

Come funziona l’In Ear Monitoring?

Per una performance ottimale, ogni musicista ha bisogno di un sound personalizzato in modo che la sua voce e il suo strumento siano ben udibili sul palco. Tradizionalmente questo si ottiene con un monitor-altoparlante posizionato direttamente davanti al musicista, che gli consente di distinguere meglio la propria voce o il proprio strumento dal sound complessivo prodotto sul palco. Su una console di mixaggio separata viene così creato il soundmix specifico per ogni musicista. In tempi di sistemi radio i musicisti tendono però a muoversi molto di più sul palco, allontanandosi dal proprio monitor. Inoltre, con il monitoraggio tradizionale l’udito rimane comunque esposto al volume complessivo presente sul palco. La conseguenza è un fastidioso fischio alle orecchie dopo l’esibizione.

È qui che l’In Ear Monitoring fa la differenza: grazie a uno speciale auricolare, il segnale del monitor viene trasferito direttamente nell’orecchio del musicista. Di solito l’auricolare è dotato di un cosiddetto ortoprotettore che viene adattato esattamente alla forma specifica dell’orecchio di chi lo indossa. Inoltre il musicista indossa un ricevitore tascabile senza fili (bodypack) che trasmette il segnale via radio, permettendogli di regolarsi autonomamente il volume. Ciò garantisce un suono pulito e personalizzato, combinato con una schermatura ottimale contro il volume esterno. L’In Ear Monitoring offre inoltre al musicista la possibilità di muoversi liberamente sul palco mantenendo una qualità del suono sempre buona.

I vantaggi dell’In Ear Monitoring

Oltre a una protezione affidabile dell’udito contro danni permanenti provocati dalla musica troppo alta, l’In Ear Monitoring offre soprattutto una qualità del suono invariabilmente buona. Rende il musicista indipendente dalle condizioni acustiche del luogo in cui si esibisce, impedisce fastidiosi feedback e fa risparmiare tempo e denaro, in quanto vengono meno il trasporto e il montaggio di scomodi monitor. L’In Ear Monitoring aiuta inoltre i cantanti a risparmiare la propria voce, in quanto non devono cantare continuamente contro gli altri strumenti per sentirsi in modo nitido e chiaro. Inoltre, con l’In Ear Monitoring praticamente invisibile ci si può tenere in contatto con il rispettivo tecnico del suono o con la regia, senza che il pubblico si accorga di nulla.

Musiker an einem Konzert trägt einen Gehörschutz für Musiker

Musicisti/DJ

Contrariamente alle protezioni acustiche standard, quelle per musicisti offrono un’attenuazione uniforme grazie a un filtro assolutamente unico – per una percezione naturale della musica. Il sistema in-ear-monitoring assicura un vantaggio pratico: su richiesta, nelle protezioni acustiche viene integrato un auricolare. In questo modo il musicista può sentire il suono del proprio strumento e proteggere allo stesso tempo il suo udito.