Otosclerosi

Che cos'è l’otosclerosi?

Tecnicamente, si parla di distrofia ossea della capsula labirintica: l’otosclerosi comporta una crescita microscopica e anomala di tessuto osseo attorno alla staffa, in grado di irrigidire i movimenti di quest’ultima. Ne consegue che l’osso non può più trasmettere le onde sonore ai liquidi labirintici, determinando inevitabilmente una riduzione della capacità uditiva.

Tecnicamente, si parla di distrofia ossea della capsula labirintica: l’otosclerosi comporta una crescita microscopica e anomala di tessuto osseo attorno alla staffa, in grado di irrigidire i movimenti di quest’ultima. Ne consegue che l’osso non può più trasmettere le onde sonore ai liquidi labirintici, determinando inevitabilmente una riduzione della capacità uditiva. La condizione si manifesta in modo lento e graduale, interessando prevalentemente le persone di sesso femminile, inizialmente in modo unilaterale per poi estendersi ad entrambe le orecchie. Una visita di controllo presso un centro Amplifon è il primo step per individuare insieme soluzioni per l’otosclerosi.

I sintomi principali

Il principale sintomo riconducibile all’otosclerosi è il progressivo calo dell’udito, che generalmente evolve molto lentamente, alternandosi a periodi di stabilizzazione.

Acufeni unilaterali e bilaterali, paracusia, vertigini e sensazioni di instabilità possono accompagnarsi al sintomo caratteristico.

La diagnosi

Rivolgersi ad uno specialista Amplifon per una visita audioprotesica consentirà di determinare la propria sensibilità uditiva e di individuare insieme a lui la soluzione acustica più adatta. L’esame audiometrico vocale e tonale consiste nell'ascolto in cuffia di parole e suoni di diversa intensità, utilizzati per valutare la singola capacità di ascolto. I risultati, riportati sull’audiogramma, consentiranno ai nostri specialisti di delineare le esigenze uditive emerse, proponendo la soluzione acustica più appropriata.

La terapia

In caso di ipoacusia moderata il ricorso ad un apparecchio acustico è la soluzione più adottata, l’intervento chirurgico viene riservato ai casi in cui l’otosclerosi comporti un calo uditivo più importante. La stapedotomia è la tecnica operatoria attualmente più praticata e consiste nell’asportare la sovrastruttura della staffa lasciando in sede la platina. Quest’ultima viene poi leggermente perforata per dare alloggio alla protesi. Da ultimo, la somministrazione di fluoruro di sodio in associazione a vitamina D e calcio si è rivelata efficace nel trattamento dei principali sintomi riconducibili all’otosclerosi.

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro