Iperacusia o ipersensibilità uditiva

L'intolleranza al rumore

Per iperacusia si intende un aumento aberrante della sensibilità uditiva che è dovuto a un’alterazione del sistema di elaborazione dei suoni a livello corticale e che molto spesso è associato alla percezione di acufeni. 

Dalle cause dell’iperacusia…

I fenomeni che avvengono sono dovuti, prevalentemente, al particolare tipo di connessioni che i circuiti acustici intrecciano con altre strutture del sistema nervoso, in particolare con il sistema reticolare (attenzione, vigilanza, reazione di allarme) e il sistema delle emozioni.
Le persone che lamentano iperacusia possono soffrire anche di fonofobia ovvero la paura a esporsi a suoni particolari, portando conseguentemente all’isolamento e alla depressione.

...ai sintomi…

Il quadro sintomatologico è caratterizzato da reazioni fisiologiche fondamentali, che attivano a catena una serie di eventi potenzialmente nocivi. Gli effetti più immediati riguardano alterazioni del ritmo cardiorespiratorio e del tono muscolare e i riflessi neurofisiologici allo stimolo rumoroso (fenomeni di allerta). Questa condizione negativa è il risultato di una valutazione cognitiva che attribuisce agli stimoli valenze di eccesso e nocività.

…ai rimedi per l’ipersensibilità uditiva

Un programma riabilitativo deve tenere conto, oltre alla presenza o meno di ipoacusia e acufeni, di una corretta valutazione cognitiva del paziente.
Negli anni ’90 venne introdotto un nuovo concetto di terapia basato sulla terapia del suono e sul counselling mirato che ancora oggi viene utilizzato.

  • Sound therapy o terapia del suono
    Nei pazienti iperacusici senza o con acufeni, la “sound therapy” ha il compito di desensibilizzare gradualmente il sistema uditivo, iniziando con l’erogazione di suoni a bassa intensità, molto vicini alla soglia uditiva del paziente, per poi aumentare gradualmente in base al tipo di iperacusia e alla risposta del paziente stesso. Nei casi di copresenza di acufeni il suono erogato deve raggiungere, con incrementi lenti, il “mixing point”. Nel caso di iperacusia e ipoacusia si procede all’applicazione degli apparecchi acustici. Inizialmente l’amplificazione erogata deve essere minima per poi aumentare gradatamente, in stretta collaborazione con il gradimento e la capacità di adattamento del paziente.
  • Counselling
    Il counselling ha come obiettivo quello di spiegare al paziente le linee-guida circa la graduale esposizione ai rumori ambientali che in precedenza potrebbero aver causato fastidio, ma che non dovranno più essere vissuti come un pericolo e che non devono essere vissuti come qualcosa da evitare.

Cosa fare se sei iperacusico?

Se sei ipersensibile al rumore, è importante che tu abbia il coraggio di avvicinarti al rumore di fondo passo dopo passo. Prima di tutto, puoi impostare la tua musica preferita a un volume basso e lasciarla suonare in sottofondo ogni giorno. Quindi, avventurati nell'affrontare un rumore di fondo leggermente più forte. Ad esempio, puoi provare ad andare al supermercato per riabituarti ai rumori quotidiani. Gli allenamenti di rilassamento o gli esercizi di rilassamento muscolare dovrebbero essere eseguiti quotidianamente. Tuttavia, non dimenticare che l'iperacusia può spesso essere una malattia che si presenta in concomitanza con altre, come la depressione o l'esaurimento. Pertanto, si consiglia in ogni caso una visita dal medico.

Iperacusia in bambini e neonati

L'iperacusia si verifica molto raramente nei bambini. Se i bambini dormono a malapena o piangono tutta la notte e si svegliano con rumori per altri quasi "impercettibili" come il rumore della stufa, ad esempio, c'è la possibilità che possano soffrire di iperacusia. Bambini e neonati mostrano più segni di questa malattia attraverso segnali fisici. Quando suona la campanella a scuola, ad esempio, sussultano, tremano, reagiscono in modo impaurito o aggressivo. E sebbene l'iperacusia possa essere molto stressante per il bambino colpito, non dovrebbero essere tenuti lontani dal rumore o da altri bambini, poiché un ambiente permanentemente tranquillo può peggiorare la malattia. Cerca l'aiuto di un medico specialista e discuti la terapia individuale più adatta per tuo figlio.

Conseguenze sociali dell'iperacusia

L'iperacusia può avere diversi effetti negativi sulla vita del paziente. Principalmente colpisce l'udito e il sonno, la capacità di concentrazione e il benessere emotivo della persona colpita. Molte persone con iperacusia si ritirano dal loro ambiente sociale perché le voci e i più piccoli rumori quotidiani sono così spiacevoli che sentono la necessità di evitarli in ogni modo. In alcuni casi, questo porta all'isolamento sociale, che nel peggiore dei casi può portare alla paura del fallimento o alla depressione. Per questi motivi, si consiglia vivamente di contrastare questa malattia con la terapia suggerita da uno specialista per riuscire a mantenere la propria qualità della vita.

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro