Esercizi per acufeni

Vieni a scoprire come possiamo aiutarti in un centro Amplifon.

Esercizi per acufeni: come attenuare il fischio alle orecchie

Con il termine acufene, chiamato anche tinnito, s'intende la percezione di un rumore, spesso simile ad un ronzio o un fischio, che si avverte nelle orecchie o nella testa, anche in assenza di un rumore esterno. 

Esercizi posturali per curare acufene

A seconda della causa che lo ha determinato, per ridurre l'acufene ci sono diversi esercizi che possono essere eseguiti sia in casa, sia in una clinica specializzata. L'acufene può essere un sintomo del tutto indipendente dall'orecchio e dalle sue patologie. A volte, infatti, esso può essere la conseguenza di una postura scorretta, di un colpo di frusta, di patologie che interessano l'articolazione temporo-mandibolare. In questi casi, dopo un corretto  inquadramento specialistico, ci sono degli esercizi posturali che possono aiutare a ridurne la percezione. Ecco alcuni esempi:

  • In posizione seduta, con la schiena ben dritta, si afferra la mascella inferiore con una mano e si apre la bocca. Senza forzare eccessivalmente si allungano i muscoli della mascella, della guancia e intorno alla bocca. Si rimane a bocca aperta per due o tre minuti. In caso di comparsa di crampi e/o dolore si sospende.
  • Utilizzando una pallina massaggiante la si fa rotolare all'altezza dei muscoli della mascella e sulla guancia con una certa pressione, con movimenti a spirale. Se ci sono zone con un'evidente tensione, far ruotare la palla soffermandosi soprattutto su questi punti.
  • In posizione seduta e con la schiena ben dritta, posizionare la mano sinistra dietro la schiena. Far passare la mano destra dietro la testa e toccare l'orecchio del lato opposto, tirare delicatamente la testa verso la spalla destra senza ruotare il collo e mantenere la posizione per 20-30 secondi. Ripetere 2 o 3 volte prima di ripetere la stessa sequenza dal lato opposto. 

Che cos'è l'acufene?

L’acufene è un disturbo uditivo che si manifesta come una sensazione acustica, in alcuni casi particolarmente fastidiosa, avvertita anche se nessuna sorgente esterna l’abbia generata. Avvertito sotto forma di fischi, ronzii, fruscii, sibili e altri innumerevoli suoni, può interessare un solo orecchio, entrambi o più genericamente può essere localizzato al centro della testa.

Tonificazione muscolare e stretching

Una buona prevenzione per l'insorgenza degli acufeni di origine muscolo-tensiva sono anche il movimento e l'esercizio fisico, la tonificazione muscolare e lo stretching. Questi esercizi, infatti, aiutano a rafforzare i muscoli, riducendo così il sovraccarico della colonna vertebrale e il rilassamento della zona del collo e delle spalle, aiutando anche a ridurre lo stress. 

Massaggi cervicali per acufeni

Per sciogliere il sovraccarico nella zona del collo e, quindi, migliorare l'acufene di origine muscolo-tensiva, potrebbe essere utile sottoporsi ad un ciclo di trattamento fisioterapico e/o massaggio cervico-dorsale. 

Esercizi mandibolari per acufeni

L'acufene può anche essere la conseguenza di problemi mandibolari, come il bruxismo o disordini muscolo tensivi del comparto dell'articolazione temporomandibolare; per questo - per risolverlo o per alleviarne la percezione - possono essere utili esercizi che includono anche il massaggio muscolare, l'apertura e la chiusura della bocca, esercizi che stimolano la mobilità laterale della mandibola. Inoltre, utilissima risulta la terapia manuale di detensione miofasciale. In ogni caso, in presenza di un disturbo cervicale e/o temporomandibolare è sempre necessario rivolgersi ad uno specialista, per una corretta diagnosi e successia terapia.

Massaggio per i muscoli masticatori

Per ridurre o bloccare l'acufene di origine muscolare può essere utilizzato il massaggio dei muscoli masticatori, per aiutare la decompressione dei condili, migliorare la circolazione nella zona mandibolare e rilassare rapidamente i muscoli del viso. Gli esercizi muscolari, i trattamenti terapeutici e un sano stile di vita sono fondamentali nel trattamento di tutti i sintomi, compreso l'acufene, sostenuti o insorti a causa di forte stress psico-fisico, sedentarietà o postura scorretta. 

Come eseguire un semplice massaggio? 

  1. Usando la punta delle dita, massaggiare con delicatezza la zona del rachide cervicale, compreso il collo e il trapezio. Insistere sulle parti doloranti e contratte, massaggiando delicatamente per 3 - 5 minuti.                                                                        
  2. Massaggiare delicatamente la zona della mandibola con il dito indice e medio e con la bocca socchiusa e rilassata. Soffermarsi sulle parti doloranti o contratte per almeno 3 - 5 minuti.
  3. Massaggiare delicatamente le tempie e, successivamente, le orecchie. Con il pollice e l'indice, massaggiare il padiglione auricolare dall’alto verso il basso e dal basso verso l'alto.
  4. Aprire delicatamente la bocca fino alla massima apertura senza forzare, tenere per 3 secondi e poi lentamente chiuderla. Eseguire questo esercizio di fronte a uno specchio per essere certi che si sta aprendo la mandibola senza deviazioni. Eseguire 10 movimenti, tre volte al giorno.

Scopri Amplifon360

Come ci occupiamo della cura della vista, del nostro sorriso, dell'alimentazione e della vita attiva, così è importante che la nostra routine di self-care includa anche il test dell'udito. Sentire bene ci fa stare meglio: prendersi cura del nostro udito, infatti, significa prendersi cura di noi stessi.

Esercizi di rilassamento muscolare progressivo

Gli esercizi di Rilassamento Muscolare Progressivo possono insegnare a ignorare o controllare gli acufeni, lo stress e le tensioni emotive. Il RMP è utilizzato in molte strutture che trattano gli acufeni, Grazie al rilassamento muscolare progressivo è possibile apprendere, tramite un graduale ma costante allenamento, come distendere i muscoli, abbassare la tensione del gruppo muscolare interessato e prevenire stati ansiogeni. L’abbassamento della tensione percepita è indice anche di un aumento del tono dell’umore e delle emozioni positive su quelle negative.  

Yoga e meditazione

Ci sono anche degli esercizi di yoga per acufeni. Lo yoga e la meditazione, infatti, aiutano a ridurre la gravità dell'acufene, lo stress, l'ansia e l'irritabilità associati all'acufene, con un miglioramento generale della qualità di vita. 

In ogni caso, è sempre necessario rivolgersi ad uno specialista quando si soffre di acufeni per avere una diagnosi corretta delle cause che lo hanno fatto insorgere e delle terapie necessarie al suo trattamento.

Respirazione

Gli esercizi di respirazione sono molto utili per il controllo dell'ansia e della tensione che possono associarsi alla percezione dell'acufene. Recenti studi hanno dimostrato che la respirazione addominale controllata apporta notevoli benefici: riduce lo stress, aumenta i livelli di attenzione e sostiene il sistema immunitario.

Esercizi di visualizzazione guidata

Per combattere l'acufene, sono utili anche gli esercizi di visualizzazione guidata; questi esercizi sono una tecnica molto simile alla meditazione. Dopo aver raggiunto uno stato di rilassamento, grazie al rilassamento muscolare progressivo o alla respirazione profonda, è possibile eseguire esercizi di visualizzazione guidata che possono indurre uno stato di profondo rilassamento e benessere, con effetti positivi sull'acufene. 

Ci sono rimedi per l'acufene?

Alcune volte l’acufene può determinare ripercussioni sulla qualità di vita che si manifestano con disturbi del sonno, ansia, nervosismo, difficoltà di concentrazione, stress, fino a disturbi depressivi o d’ansia. Amplifon da molti anni fornisce tutti gli strumenti necessari ad una corretta terapia del suono, secondo le più recenti linee guida riguardanti il trattamento degli acufeni.

Esercizi di distrazione dall'acufene

Ci sono diversi esercizi per distrarre la percezione cosciente dell'acufene come ascoltare musica, passare del tempo con i propri animali domestici o dedicarsi al giardinaggio, bricolage e altri hobby. 

Ascoltare musica

Ascoltare la musica può certamente essere utile per distogliere l'attenzione dall'acufene, così come ascoltare una playlist di rumore bianco. È importante però che l'ascolto non sia per un tempo troppo prolungato o ad un volume troppo alto se si sceglie di usare le cuffie.

Passare del tempo con i propri animali domestici

Tra gli esperti di neuroscienze, è opinione diffusa che la compagnia di cani, gatti o altri animali domestici possa essere benefica per la serenità psicologica, che potrebbe anche avere benefici nel far tacere l'acufene.

Giardinaggio, bricolage ed altri hobby

Anche concentrarsi su attività rilassanti e hobby aiuta  a ridurre lo stress e, quindi, il disagio causato dall'acufene.

Consulta un medico in caso di acufene cronico

Anche se ci sono diversi esercizi che possono essere fatti per ridurre i sintomi dell'acufene, l'acufene cronico è una condizione che richiede una consultazione con uno specialista dell'acufene. Se pensi di soffrire di acufene,  prenota un appuntamento presso il centro Amplifon più vicino a te.

Prova il nostro test dell'udito online

Se sospetti di avere un calo uditivo, il nostro test dell'udito online può aiutarti.

Altri articoli correlati

Scopri gli altri contenuti dedicati alla slaute uditiva, preparati dai nostri esperti per te. Puoi anche consultare il nostro magazine online, aggiornato con le ultime novità.

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro