Otoemissioni acustiche: test per l'ipoacusia nei neonati

L'assenza di otoemissioni acustiche può determinare un problema di udito: come interpretare il test
Ultimo aggiornamento Jul, 09, 2021

Cosa sono le otoemissioni acustiche?

Un'otoemissione acustica è un suono a bassa intensità emesso dalla coclea, spontaneamente o provocato da uno stimolo uditivo, a seguito dell'attività delle cellule ciliate dell'organo del Corti. L'esistenza di queste emissioni cocleari iniziò ad essere ipotizzata negli anni '40, sebbene la loro misurazione non sia stata realizzata prima della fine degli anni '70, quando furono inventati microfoni in grado di registrare suoni così a bassa intensità.

La presenza di otoemissioni acustiche (OAE) nell'orecchio aiuta a conoscere diversi parametri sullo stato uditivo del paziente. Innanzitutto, indica che i meccanismi di conduzione dell'orecchio funzionano correttamente. La sua presenza conferma anche che le cellule ciliate funzionano normalmente, riflettendo quindi una corretta sensibilità dell'udito.

TEOAE: valutare l'ipoacusia nei neonati

Le otoemissioni acustiche sono suddivise nei seguenti tipi:

  • Otoemissioni acustiche spontanee (SOAE): emissioni prodotte dalla coclea senza stimoli acustici esterni.
  • Otoemissioni acustiche evocate (EOAE): emissioni prodotte in risposta a uno stimolo acustico. A seconda delle loro caratteristiche, otteniamo diversi tipi di emissioni provocate:
  • Emissioni evocate da stimoli transienti TEOAE): emissioni prodotte da uno stimolo di breve durata, generalmente un clic. Sono utilizzate per il rilevamento di lesioni cocleari e soprattutto nella diagnosi precoce della ipoacusia.
  • Emissioni evocate da uno stimolo sinusoidale: emissioni prodotte in risposta a uno stimolo di frequenza continuo.
  • Emissioni prodotto da distorsione (DPOAE): emissioni prodotte in risposta a 2 toni simultanei di frequenze diverse. Queste otoemissioni acustiche hanno una grande utilità clinica, in quanto facilitano la diagnosi precoce di lievi danni cocleari che non possono essere osservati con l'audiometria convenzionale.
  • Emissioni evocate da uno stimolo sinusoidale: emissioni prodotte in risposta a uno stimolo di frequenza continuo. Sono attualmente poco utilizzate nella pratica clinica rispetto alle altre.

Le otoemissioni acustiche spontanee sono usate principalmente in pazienti che non hanno la capacità di collaborare attivamente al test, in quanto si tratta di un test obiettivo. Di conseguenza, l'uso medico delle otoemissioni acustiche è abbastanza orientato verso il mondo pediatrico e i test con otoemissioni acustiche nei neonati sono abbastanza comuni: i loro risultati sono facili da ottenere, non invasivi, rapidi e forniscono informazioni molto affidabili sullo stato cocleare del piccolo paziente.

Test non superato nei neonati: cosa fare

Nel test pediatrico, una piccola sonda viene posizionata nel condotto uditivo del bambino. Questa sonda eroga uno stimolo sonoro a basso volume nell'orecchio. La coclea risponde producendo un'otoemissione acustica, a volte descritta come un' "eco", che viaggia indietro attraverso l'orecchio medio fino al condotto uditivo e viene analizzata dall'unità di screening. In circa 30 secondi, il risultato viene visualizzato sull'unità di screening come "pass" o "refer"

"Refer"  sta ad indicare la mancanza delle otoemissioni acustiche, ovvero della risposta da parte della coclea in presenza di uno stimolo sonoro prodotto dalla sonda. Un test con esito "Pass" indica invece che lo stimolo sonoro ha incontrato un orecchio sano e una risposta cocleare.. L'otoemissione acustica (OAE) può aiutare a rilevare un'ipoacusia neurosensoriale, che si verifica nella coclea. Può richiamare anche l'attenzione sui disturbi dell'udito che influenzano il percorso verso l'orecchio interno.

Cosa fare nel caso in cui il risultato sia refer?

  1. Qualsiasi orecchio che non superi il primo test per OAE viene nuovamente controllato (2 ° OAE) entro le 2 settimane successive al primo test.
  2. Se anche il secondo test OAE produce un risultato "refer", il bambino deve essere valutato da uno specialista per determinare se sia presente un problema dell'orecchio esterno o medio (blocco, fluido all'interno, anomalia strutturale, ecc.) che interferisca con il completamento accurato dello screening OAE. Potrebbe essere necessario il trattamento o il monitoraggio.
  3. Una volta che il medico indica l'assenza di condizioni preesistenti che impedirebbero uno screening accurato, viene condotto un ulteriore test dell'udito per indagare la capacità uditiva. Si esegue quindi un approfondimento clinico diagnostico effettuato, se possibile, da uno Specialista esperto in Audiologia pediatrica.
Trova il centro Amplifon più vicino a te
Precedente
Successivo

AmpliNews

Scopri tutte le novità sull'udito e sulle soluzioni audiologiche.
Scopri di più

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro