Allenare il tuo udito senza apparecchi acustici: come?

Ultimo aggiornamento Oct, 12, 2021

Come mantenere allenato l'udito?

L'orecchio funziona come tutti gli altri organi del nostro corpo: più lo alleniamo, più sarà in forma. Ecco perché è utile svolgere degli esercizi per prevenire o rallentare la perdita di udito legata all'età e per migliorare la cosiddetta memoria uditiva.

Qual è il beneficio dell'allenamento dell'udito?

Prendersi cura del benessere uditivo migliora la circolazione e la flessibilità cognitiva. È importante infatti continuare a fornire stimoli sonori al nervo acustico, che tende a impigrirsi se non viene adeguatamente sollecitato. 

Come funziona l'allenamento dell'udito?

L’orecchio non è l’unico ad avere un ruolo nella nostra capacità di udire i suoni: anche il cervello gioca un ruolo importante. Possiamo ogni giorno migliorare la capacità del cervello di svolgere questa funzione esercitandolo ad esempio a concentrarsi sui suoni, localizzandoli e interpretandone la provenienza.

Esercizi da fare in casa e nell'ambiente circostante

Gli esercizi di allenamento uditivo possono essere svolti nella quotidianità di ognuno di noi, aiutano a raffinare l'udito e a migliorare la concentrazione in generale. L'importante è svolgerli con costanza e continuità. Vediamo nel dettaglio quali attività potete praticare:

Imparare ad ascoltarsi

Leggete ad alta voce. La vostra stessa voce potrebbe suonare strana all'inizio, ma questa impressione sparirà dopo qualche tempo. Ascoltate inoltre i suoni dei vostri passi e del respiro; producete apposta rumori deboli, ad esempio facendo frusciare dei fogli, facendo tintinnare le chiavi e così via. Può essere utile anche annotare tutti i suoni sentiti e associare ad ognuno un aggettivo.

Distinguere i suoni

Mettetevi seduti in casa o in un luogo naturale, chiudete gli occhi e sforzatevi di individuare ogni suono e di capire da dove proviene. Concentrandosi sui suoni in background, ad esempio il cinguettio degli uccelli, il cervello si abitua a riconoscere determinati suoni non percepiti in precedenza come più bassi e quindi più lontani. Anche se si tratta di un miglioramento a livello di percezione mentale dell’udito, i suoi effetti sono potenti. 

Utilizzare la musica

Accendete la radio in una stanza e muovetevi all’interno della stessa prestando attenzione alle leggere differenze dei suoni che si odono mentre ci si muove. Cercate di comprendere le parole del testo e di identificare i diversi strumenti presenti nella canzone, variando di tanto in tanto il volume e provando a cambiare stanza.

Fare attività fisica

Il movimento fa miracoli per la circolazione sanguigna dell’orecchio interno: la parte uditiva dell’orecchio interno, la coclea, trae un gran beneficio dall’aumento del flusso sanguigno, poiché serve a trasformare le vibrazioni sonore in impulsi nervosi.

Concentrarsi sulla voce

Chiedete a qualcuno di leggervi un testo mentre si muove nella stanza. Chiudere gli occhi e mentre ascoltate con attenzione, fatevi ripetere a voce alta le frasi e cercate di capire da dove provengono le parole.

Altri consigli su come allenare il tuo udito

Ci sono inoltre tutta una serie di attività o consigli che servono ad allenare la mente e l'udito, come gli esercizi di logica, giocare a carte, la meditazione, lo yoga e persino alcuni cibi che contengono sostanze dal potere antinfiammatorio e antibatterico, come menta, aglio, curcuma, zenzero.

Quando ho bisogno di un apparecchio acustico?

Esercitare l'udito è molto utile come esercizio di mantenimento e prevenzione da malattie conseguenti alla perdita uditiva (isolamento sociale, decadimento cognitivo), ma non corrisponde in alcun modo ad un rimedio. Nel caso di deficit permanente, gli esercizi di ascolto non sono sufficienti ed è bene rivolgersi a uno specialista per farsi consigliare l'apparecchio acustico più adatto. 

C'è anche una formazione per chi usa apparecchi acustici?

Anche per chi usa apparecchi acustici esiste un training uditivo utile non solo a sentire, ma anche a comprendere. Infatti, se per un periodo prolungato i nervi acustici ricevono sempre meno impulsi, nel tempo si atrofizzano e l’ipoacusia diventa progressivamente uno standard. In questi casi possono essere molto utili gli esercizi per risvegliare l'udito.

Precedente
Successivo

AmpliNews

Scopri tutte le novità sull'udito e sulle soluzioni audiologiche.
Scopri di più

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro