Troppi decibel nelle scuole italiane

L'eccesso di rumore riduce le capacità di apprendimento e rendimento degli studenti
Ultimo aggiornamento Sep, 11, 2018

Gli studi

Secondo recenti studi, esiste una correlazione tra rumore scolastico e capacità di apprendimento degli allievi. Nelle classi italiane si superano spesso i 70 decibel e questo può avere risvolti negativi sul rendimento degli studenti, facendo diminuire le capacità mnemoniche, di comprensione dei testi e delle lezioni. A questi rumori si aggiunge spesso il rumore esterno: circa il 12% delle scuole italiane, infatti, è vicino a un aeroporto, il 9% è nei pressi dell’autostrada e l’8% si trova a un chilometro da una zona ad alto inquinamento.

Gli esperti lanciano l’allarme: a volte, dietro l’etichetta di “alunno disattento e poco diligente” può nascondersi una ridotta sensibilità uditiva non individuata e dovuta proprio a questa correlazione. Oggi si calcola, infatti, che quasi 1 adolescente su 5 (il 17% dei ragazzi tra i 12 e i 19 anni) conviva con un disturbo uditivo da rumore che, se non identificato e trattato, si associa spesso a scarsi risultati scolastici e può poi tradursi in basse performance lavorative e in minori opportunità professionali.

La continua esposizione ai rumori infatti può indurre il rilascio di cortisolo, un ormone il cui eccesso compromette la funzione nella corteccia prefrontale, impattando negativamente sul ragionamento, sul controllo degli impulsi, sulla capacità di pianificazione e sulle capacità mnemoniche a breve termine. Inoltre, lo stress derivante da un continuo rumore di sottofondo può far diminuire i livelli di dopamina, impattando così in maniera negativa sull’apprendimento e sulla memoria.

A ciò si aggiungono anche da stili di vita e abitudini rischiosi come, ad esempio, l’ascolto della musica direttamente dalle cuffie o dagli auricolari e la diffusione dei giochi elettronici immersivi, con il volume che può raggiungere o superare gli 85-90 decibel.    

Come ridurre il rumore scolastico?

  1. Evitare la costruzione di scuole in zone ad alto inquinamento acustico, vicino ad aeroporti o autostrade
  2. Incentivare l’uso delle lavagne elettroniche
  3. Posizionare i feltrini sotto le sedie e i banchi
  4. Ricorrere a impianti di amplificazione o applicare pannelli fonoassorbenti: un esempio è la sperimentazione dell’insonorizzazione delle aule nell’Istituto Cavalieri di Milano grazie a un progetto promosso da Amplifon ed Ecophon Saint-Gobain che ha permesso di dimezzare il “tempo di riverberazione” ovvero la variabile di riferimento per la valutazione del profilo acustico di un ambiente.
  5. Impedire l’uso di cuffie e di auricolari in aula
  6. Educare gli studenti a una corretta ecologia sonora
  7. Mantenere un volume di voce moderato, senza alzarlo per sovrastare il brusio

* Realizzato per Amplifon con la consulenza della professoressa Claudia Aimoni, Dipartimento di Scienze biomediche e chirurgico specialistiche dell’Università di Ferrara

AmpliNews

Scopri tutte le novità sull'udito e sulle soluzioni audiologiche.
Scopri di più

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro