Linfonodi ingrossati dietro l'orecchio

Sintomi, cause e trattamento dei linfonodi ingrossati dietro l'orecchio

I linfonodi ingrossati dietro l'orecchio suggeriscono un'infezione. Si possono percepire con le dita e nella maggior parte dei casi sono indolori. I linfonodi si gonfiano non appena si verifica un'infezione batterica, virale o fungina nel corpo. Successivamente, producono anticorpi aggiuntivi per trovare l'agente infettivo.

Linfonodi dietro all'orecchio: dove sono

Una persona ha tra 600 e 700 linfonodi nel proprio corpo. Si trovano, ad esempio, sotto l'ascella e l'inguine, vicino agli organi interni e anche sul collo e dietro le orecchie. I linfonodi dietro l'orecchio si trovano sull'osso temporale e sotto il muscolo auricolare posteriore. Se sono gonfi, è possibile percepirli dietro il padiglione auricolare con le dita.

Come percepire un linfonodo ingrossato?

Puoi sentire un linfonodo gonfio o ingrossato tastandolo con le mani, percepirai infatti una protuberanza sotto la pelle. Se hai un raffreddore o un'altra infezione, noterai spesso un gonfiore sul lato del collo o appena dietro le orecchie, segno dei linfonodi che stanno agendo contro gli agenti infettivi. Se la persona è sana, i linfonodi di solito non sono evidenti.

Quando definire un linfonodo ingrossato?

A seconda della gravità dell'infezione, i linfonodi possono gonfiarsi fino a due centimetri, durante il processo di contrasto degli agenti infettivi. Se il gonfiore, indipendentemente dalle dimensioni, non si attenua per tre settimane e non vi sono segni di infezione, è necessario consultare un medico per determinare la causa dei linfonodi ingrossati.

Perché si gonfiano i linfonodi dietro l'orecchio?

I linfonodi dietro l'orecchio si gonfiano in presenza di un'infezione batterica, virale o fungina nell'orecchio, nella gola o negli occhi. Un'altra causa può essere una reazione allergica, che aumenta la produzione di anticorpi da parte dell'organismo. Le infezioni che colpiscono specificamente i linfonodi dietro l'orecchio sono:

  • Infezioni fungine dentro o intorno alla testa che causano prurito al cuoio capelluto o perdita di capelli;
  • Infezione batterica delle tonsille (tonsilite), piaghe in bocca o gengive che richiedono gli anticorpi per rimuovere i batteri;
  • La febbre ghiandolare che persiste a lungo può causare l'ingrossamento dei linfonodi dietro l'orecchio

I linfonodi dietro l'orecchio possono anche gonfiarsi se la persona ha ferite sul collo. Una malattia autoimmune provoca un sistema immunitario indebolito, che può anche causare il rigonfiamento dei linfonodi. Inoltre, in alcuni tipi di cancro, come il cancro della ghiandola linfatica o la leucemia, i linfonodi ingrossati dietro l'orecchio possono essere il primo segno della malattia.

I linfonodi si gonfiano dietro un solo orecchio?

Spesso i linfonodi si ingrossano dietro entrambe le orecchie, ma possono gonfiarsi anche solo dietro l'orecchio destro o quello sinistro. Se si sente una piccola protuberanza dietro l'orecchio, questo indica un linfonodo ingrossato. È un'indicazione che c'è un'infezione o una reazione allergica. Se il nodulo non scompare da solo entro tre settimane, è necessario consultare un medico che esaminerà il paziente per determinare le possibili cause.

Sintomi del gonfiore dei linfonodi nell'orecchio

I sintomi del gonfiore dei linfonodi nell'orecchio possono variare e indicare una diversa gravità a seconda della causa. Quando il sistema immunitario viene attivato da un patogeno batterico o virale, i linfonodi si gonfiano. L'area della pelle può essere arrossata e surriscaldata. A volte le persone colpite sentono anche dolore dietro l'orecchio. Possono verificarsi anche altri sintomi, come febbre, stanchezza e affaticamento, mal di gola o difficoltà a deglutire.

Come capire se un linfonodo è maligno?

In caso di linfonodi ingrossati sul collo, dietro l'orecchio, sotto il braccio o nella zona inguinale, è necessario fissare un appuntamento con il medico se:

  • I linfonodi sono più grandi di cinque centimetri
  • I linfonodi sono gonfi da più di tre settimane
  • Il gonfiore è apparso all'improvviso e la ghiandola si presenta dura al tatto, con o senza la presenza di dolore
  • La pelle nell'area interessata dal gonfiore è rossa, tesa o surriscaldata
  • Si verificano sintomi come febbre, sudorazione notturna, perdita di peso indesiderata o difficoltà respiratorie

Come sgonfiare i linfonodi dietro l'orecchio?

Poiché i linfonodi ingrossati non rappresentano una malattia in sé, ma sono considerati solo un sintomo, non vengono di solito trattati direttamente. Il trattamento, infatti, avrà invece lo scopo di contrastare la malattia che sta causando l'attivazione del sistema immunitario, che a sua volta causa il rigonfiamento del linfonodo. Potrebbe trattarsi di un'infezione alla bocca o alla gola, ad esempio, che il medico cura con antibiotici.

Quanto tempo ci vuole per far sgonfiare un linfonodo?

I linfonodi dovrebbero di solito gonfiarsi entro tre settimane. Tuttavia, se il gonfiore dei linfonodi persiste per più di due o tre settimane, la persona interessata dovrebbe fissare un appuntamento con un medico, anche se i linfonodi non si presentassero sensibili alla pressione o dolorosi. Il medico chiarirà le possibili cause del gonfiore e, se necessario, inizierà immediatamente il trattamento più adeguato.

Ghiandole gonfie dietro le orecchie nei bambini

I linfonodi ingrossati possono verificarsi anche nei bambini, ma di solito sono innocui. Dimostrano che il bambino ha un sistema immunitario intatto, che, soprattutto nei primi anni di vita, fronteggia spesso agenti patogeni ancora sconosciuti. Un appuntamento con il pediatra è necessario se il gonfiore persiste per due o tre settimane o se il bambino ha febbre, perdita di appetito, stanchezza o perdita di peso.

Scopri il tuo profilo uditivo

Prenota un controllo dell'udito gratuito

Prenota subito

Fai un test dell'udito online

Fai il test

Cerca un centro Amplifon vicino a te

Cerca il centro