11 aprile 2016
Categoria

AmpliNews

Nuovo, di facile consultazione e di piacevole lettura: diamo il benvenuto ad AmpliNews, il nuovo magazine Amplifon! Qui trovate tanti approfondimenti specialistici sull'udito resi accessibili a tutti e molti consigli su benessere, lifestyle e tempo libero.

 

11 aprile 2016
Categoria
SCOPRI DI PIU'
Indietro

Cosa si intende per ipoacusia neurosensoriale?

 cosa e ipoacusia neurosensoriale
mag 13th 2016
Categoria Udito e Ipoacusia

Cosa si intende per ipoacusia neurosensoriale?

Cause, sintomi e risposte concrete per questa patologia.

La riduzione della percezione uditiva o ipoacusia si presenta come un processo lento e graduale. A destare l’attenzione a riguardo sono situazioni che possono presentarsi nel corso della vita con crescente frequenza: ad esempio può capitare di percepire con fatica alcuni suoni, specie se questi vengono diffusi in luoghi affollati e di grandi dimensioni; oppure può divenire necessario uno sforzo maggiore per comprendere parole pronunciate a bassa voce.

Questi episodi, non così rari, possono rappresentare segnali per identificare potenziali casi di ipoacusia, un fenomeno per il quale sono disponibili efficaci rimedi.

Quando si parla di ipoacusia neurosensoriale?

Non tutte le forme di ipoacusia presentano le medesime caratteristiche: nell'ipoacusia neurosensoriale, la diminuzione delle capacità uditive è da ricondurre ad un danno dell’orecchio interno in particolare la coclea (o chioccola), che, per varie cause, non è più in grado di convertire le vibrazioni sonore percepite in impulsi nervosi.

Questo fenomeno può riguardare un solo orecchio, classificandosi come ipoacusia monolaterale oppure entrambi, come avviene nell'ipoacusia bilaterale. Si possono inoltre distinguere due tipologie di ipoacusia neurosensoriale:

  • Forma cocleare, appena descritta;
  • Forma retro-cocleare, nella quale è soprattutto il nervo acustico ad essere danneggiato e non più in grado di trasmettere perfettamente ai centri uditivi superiori gli impulsi nervosi provenienti dalla coclea.

Perché può manifestarsi l’ipoacusia neurosensoriale? 

La riduzione della sensibilità uditiva classificabile come ipoacusia è certamente connessa, con maggiore incidenza, alla presbiacusia. Si stima che circa il 30% della popolazione con oltre 65 anni presenti diminuzioni a livello uditivo di varia natura. L’invecchiamento del sistema uditivo nel suo complesso e in modo specifico delle cellule cigliate della coclea, viene considerate tra le cause principali, ma il fenomeno può presentarsi anche in altri momenti della vita.

Come si deve intervenire?

Predisporre una visita di controllo è un ottimo metodo, rapido e preciso, per prevenire o ridurre le conseguenze dell’ipoacusia neurosensoriale. In molti casi, inoltre, in presenza di ipoacusia, le risorse limitate di memoria e attenzione vengono distolte dai compiti specifici per essere impiegate nell’identificazione e nell’elaborazione dei segnali uditivi. La tempestività è essenziale, e può tradursi anche nella spinta a condurre le persone care presso un centro specializzato dove attraverso un colloquio e alcuni esami non invasivi sarà possibile accertare la tipologia del disturbo e, se necessario, sperimentare risposte concrete, come gli apparecchi acustici.

mag 13th 2016

Test dell'udito online

Metti alla prova il tuo udito! Di seguito ti proponiamo un semplice e veloce test online puramente indicativo. Controllare la qualità dell'udito è un gesto di prevenzione importante per il benessere completo!

FAI IL TEST