11 aprile 2016
Categoria

AmpliNews

Nuovo, di facile consultazione e di piacevole lettura: diamo il benvenuto ad AmpliNews, il nuovo magazine Amplifon! Qui trovate tanti approfondimenti specialistici sull'udito resi accessibili a tutti e molti consigli su benessere, lifestyle e tempo libero.

 

11 aprile 2016
Categoria
SCOPRI DI PIU'
Indietro

Giornata Mondiale dell Udito l impatto socio-economico dell ipoacusia trascurata

 World hearing day
01 marzo 2017
Categoria Prevenzione

Giornata Mondiale dell'Udito: l'impatto socio-economico dell'ipoacusia trascurata

L’importanza dell’educazione, prevenzione e riabilitazione dell’udito al centro del World Hearing Day 2017

World Hearing Day: ipoacusia trascurata, un “macigno” socio-economico

In occasione della Giornata Mondiale dell’Udito 2017, l’Organizzazione Mondiale della Sanità sottolinea come sia il momento di agire contro i disturbi uditivi che, su scala globale, hanno un peso economico di 750 miliardi di dollari e si stima oltre 21 miliardi di euro all’anno in Italia. L’impatto economico è solo uno degli aspetti dell’ipoacusia trascurata: contrastare il calo dell’udito è necessario per limitare anche gli effetti sociali ad esso connessi che possono colpire tutte le fasce di età della popolazione.

Una perdita uditiva trascurata infatti può alzare barriere sociali nel campo dell’educazione, del lavoro e in molti ambiti della vita:

  • Nei bambini l’udito è fondamentale per acquisire il linguaggio: i disturbi durante l’infanzia e l’adolescenza possono causare riduzioni nella capacità di attenzione e di concentrazione, difficoltà di lettura e di comprensione, con conseguenze negative sul rendimento scolastico. Una gestione tempestiva del calo di udito, invece, incide positivamente sulle capacità di apprendimento.
  • Negli adulti prendersi cura dell’udito può ridurre il rischio di isolamento e di depressione, che nelle persone con ipoacusia è due volte più alto rispetto a chi ci sente. La ridotta capacità uditiva non adeguatamente trattata si associa, inoltre, a una maggiore probabilità di declino cognitivo, che può essere fino a cinque volte maggiore nei casi gravi di ipoacusia.
  • Infine, anche sul lavoro è necessario intervenire: le stime, infatti, indicano come il calo dell’udito comporti una perdita di produttività e come una persona con difficoltà uditiva abbia il doppio delle probabilità di essere disoccupato

Come prevenire e trattare il calo dell’udito

Per limitare i disturbi uditivi, gli esperti suggeriscono un piccolo vademecum -  “Udito ben curato, futuro guadagnato”* - composto da 5 linee d’azione:

  1. Alla nascita gli screening uditivi devono diventare la prassi per riconoscere fin da subito un eventuale disturbo. 
  2. Diffondere iniziative di informazione e sensibilizzazione sul benessere uditivo nelle scuole italiane per educare i più giovani a proteggere il proprio udito.
  3. Sottoporsi a un controllo audiologico almeno una volta all’anno. Un semplice esame audiometrico, non invasivo, della durata di pochi minuti fornisce indicazioni essenziali sullo stato del tuo udito e sulle possibili azioni da intraprendere.
  4. Intervenire con la più opportuna soluzione uditiva, personalizzando l’apparecchio anche in caso di un’ipoacusia di medio grado.
  5. Importanza di un servizio di qualità e di un approccio multidisciplinare al disturbo uditivo, perché l’ipoacusia può spesso associarsi ad altri problemi di salute come depressione, diabete, declino cognitivo e rischio di cadute.

* Promosso da Amplifon con la consulenza del professore Carlo Antonio Leone, direttore Unità Operativa Complessa Ospedaliera di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-facciale, Ospedale Monaldi Napoli, Presidente della Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale

mar 2th 2017
Categoria Prevenzione

Test dell'udito online

Metti alla prova il tuo udito! Di seguito ti proponiamo un semplice e veloce test online puramente indicativo. Controllare la qualità dell'udito è un gesto di prevenzione importante per il benessere completo!

FAI IL TEST