11 aprile 2016
Categoria

AmpliNews

Nuovo, di facile consultazione e di piacevole lettura: diamo il benvenuto ad AmpliNews, il nuovo magazine Amplifon! Qui trovate tanti approfondimenti specialistici sull'udito resi accessibili a tutti e molti consigli su benessere, lifestyle e tempo libero.

 

11 aprile 2016
Categoria
SCOPRI DI PIU'
Indietro

Cause e sintomi dell otomicosi

 Otomicosi
10 aprile 2017
Categoria Udito e Ipoacusia

Cause e sintomi dell'otomicosi

L’otomicosi è un’infiammazione del tessuto del condotto uditivo esterno provocata da funghi. Scopriamone sintomi, cause e terapie più efficaci.

Cause e sintomi dell’otomicosi

L’otomicosi è una infezione del condotto uditivo esterno determinata dalla presenza di colonie di funghi, per la maggior parte del genere aspergillus.  Le cause dell’otomicosi possono essere la scarsa pulizia del condotto, fenomeni infiammatori cronici, una terapia antibiotica generale effettuata per lunghi periodi e condizioni generali di salute precarie. Lo sviluppo dei funghi determina una desquamazione dell’epitelio del condotto uditivo e la presenza di materiale sieroso dall’aspetto di un tappo “molle” lanuginoso. Il colore dell’ammasso fungino varia dal bianco al giallo o nero, in relazione della specie che ha determinato l’infezione. La specie può essere diagnosticata  con precisione attraverso l’esame colturale della secrezione prelevata dal condotto uditivo.

Tipica della stagione primaverile-estiva, l’otomicosi interessa di solito un solo orecchio. Nelle prime fasi dell’infezione la sintomatologia può essere assente, ma nei giorni successivi si presenta prurito anche intenso, lieve dolenzia e sensazione di “orecchio pieno”. A questi sintomi si possono associare acufeni. Se la membrana timpanica è indenne, l’infezione è localizzata solo al condotto uditivo; in caso di perforazione, l’infezione può estendersi all’orecchio medio.

Le cure più efficaci per l’otomicosi

La terapia è indirizzata all’asportazione degli ammassi di miceti che può avvenire attraverso l’aspirazione e il lavaggio del condotto uditivo mediante soluzioni antifungine. Dopo l’asportazione, il condotto uditivo si può presentare edematoso, con arrossamento della cute. L’instillazione endoauricolare di farmaci antimicotici e lavaggi giornalieri con soluzioni antisettiche determinano la conclusione della sintomatologia dopo circa 10 giorni. Risulta essenziale non lavare il condotto uditivo con acqua e non effettuare manovre di pulizia improprie (es. utilizzo di cotton fioc). 
Le complicanze possono essere determinate da una sovrapposizione batterica che rende più complessa la terapia. La risoluzione dell’infezione determina la scomparsa dell’ipoacusia e degli acufeni da essa causati. 

apr 11th 2017

Test dell'udito online

Metti alla prova il tuo udito! Di seguito ti proponiamo un semplice e veloce test online puramente indicativo. Controllare la qualità dell'udito è un gesto di prevenzione importante per il benessere completo!

FAI IL TEST