11 aprile 2016
Categoria

AmpliNews

Nuovo, di facile consultazione e di piacevole lettura: diamo il benvenuto ad AmpliNews, il nuovo magazine Amplifon! Qui trovate tanti approfondimenti specialistici sull'udito resi accessibili a tutti e molti consigli su benessere, lifestyle e tempo libero.

 

11 aprile 2016
Categoria
SCOPRI DI PIU'
Indietro

Calo dell´udito e decadimento cognitivo: quale relazione?

 decadimento-cognitivo
08 ottobre 2016
Categoria Udito e Ipoacusia

Calo dell'udito e decadimento cognitivo: quale relazione?

Anche se il calo uditivo può riscontrarsi in qualsiasi momento della vita, la sua prevalenza aumenta considerevolmente con l’età. Varie ricerche hanno dimostrato che le persone affette da ipoacusia sono maggiormente predisposte a sviluppare disturbi cognitivi.

Ipoacusia e decadimento cognitivo: la ricerca

Una ricerca effettuata negli Stati Uniti dal professor Frank Lin, della Johns Hopkins University di Baltimora, e colleghi, ha evidenziato come il numero di persone affette da calo uditivo di grado lieve o superiore aumenta con l’età. Un altro grave problema di salute direttamente legato all’età è rappresentato dai deficit cognitivi che, a partire dai 70 anni di età, si accresce dell’1% all’anno.

La relazione tra ipoacusia e deficit cognitivi in popolazioni adulte/anziane è stata oggetto di varie ricerche cliniche. Questi studi hanno dimostrato che le persone affette da ipoacusia, confrontate con soggetti coetanei non affetti, sono significativamente più predisposti a sviluppare tali deficit. In una delle prime ricerche pubblicate nel 1989, si è arrivati alla conclusione che l’ipoacusia, nei soggetti anziani, rappresenta un fattore in grado di contribuire alla compromissione delle facoltà cognitive, secondo una relazione di proporzionalità diretta: maggiore il livello d’ipoacusia,  maggiori le possibilità di sviluppare deficit. Ne consegue che, qualsiasi correzione dell’ipoacusia non solo sarebbe in grado di “prevenire” la progressione della demenza ma potrebbe potenzialmente attenuarne i sintomi. 

Frank Lin, insieme a suoi collaboratori, ha effettuato una ricerca seguendo 639 soggetti per 18 anni. All’inizio dello studio in nessuno dei soggetti fu riscontrato un danno cognitivo, anche se alcuni di essi erano affetti da ipoacusia. Durante i 18 anni di  follow-up sono stati diagnosticati 58 casi di deficit cognitivi più o meno gravi. Effettuando una comparazione con individui normoudenti, quelli affetti da ipoacusia lieve, media e grave, avevano rispettivamente 2, 3 e 5 volte un  rischio più alto di sviluppare deficit cognitivi. 

Cause e rimedi della relazione tra ipoacusia e decadimento cognitivo

Anche se la causa che lega le due condizioni resta sconosciuta, i ricercatori ipotizzano che gli sforzi necessari all’elaborazione dei suoni durante l’arco di vita potrebbero sovraccaricare il cervello delle persone affette da ipoacusia, rendendole maggiormente esposte all’insorgenza di problematiche cognitive. Un’altra possibilità avanzata dai ricercatori è che l’ipoacusia generi isolamento sociale, fattore di rischio elevato e peraltro conclamato sia per i disturbi cognitivi, sia per fenomeni depressivi. 

I risultati delle ricerche suggeriscono che l’adozione di rimedi semplici, come ad esempio l’uso degli apparecchi acustici e una maggiore attenzione verso la prevenzione e l’identificazione precoce della sordità, possono determinare un miglioramento complessivo delle funzioni cognitive e, conseguentemente, ritardare l’insorgenza della demenza.

08 ottobre 2016

Test dell'udito online

Metti alla prova il tuo udito! Di seguito ti proponiamo un semplice e veloce test online puramente indicativo. Controllare la qualità dell'udito è un gesto di prevenzione importante per il benessere completo!

FAI IL TEST