11 aprile 2016
Categoria

AmpliNews

Nuovo, di facile consultazione e di piacevole lettura: diamo il benvenuto ad AmpliNews, il nuovo magazine Amplifon! Qui trovate tanti approfondimenti specialistici sull'udito resi accessibili a tutti e molti consigli su benessere, lifestyle e tempo libero.

 

11 aprile 2016
Categoria
SCOPRI DI PIU'
Indietro

Acufene pulsante monolaterale: di cosa si tratta?

 image
01 aprile 2016
Categoria Prevenzione, cura e tecnologie

Acufene pulsante monolaterale: di cosa si tratta?

Come comportarsi in caso di ronzio in un solo orecchio.

L’acufene pulsante monolaterale si presenta come un rumore ritmico, spesso sincrono con il battito del cuore, ed è percepito in un solo orecchio. È un tipo di acufene piuttosto raro, interessando circa il 3% della popolazione mondiale, ma non va comunque sottovaluto. Vediamo meglio di cosa si tratta e come scegliere il rimedio più appropriato.

Le cause dell’acufene pulsante monolaterale

L’acufene pulsante è legato spesso a una variazione del flusso sanguigno nei vasi vicini all’orecchio interessato. Tale variazione può nascere dopo un’ostruzione o l’allargamento di un vaso che, sovraccaricando quelli vicini, genera rumore.Un’altra causa rilevante di acufene pulsante monolaterale è la presenza di turbolenze all’interno di un vaso sanguigno. Una parete interna irregolare, infatti, determinerà un flusso sanguigno irregolare.
La percezione di questa tipologia di acufene può essere infine legata a:

  • Perdite uditive di natura trasmissiva, dovute ad un aumento della risonanza della cavità timpanica. Alla loro origine spesso vi sono otite catarrale, otite cronica e restringimento tubarico.
  • Un’aumentata sensibilità della capacità di ascolto, meglio definita iperacusia, per cui il tinnito viene percepito come un segnale di allarme. E’ questa un’evenienza molto comune nelle persone particolarmente ansiose.
  • Disfunzioni a carico dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM).

I rimedi per acufene pulsante monolaterale

In presenza di acufene pulsante monolaterale è opportuno rivolgersi a un medico otorinolaringoiatra, che analizzerà lo stato di salute dell’apparato uditivo e farà una valutazione manuale dei vasi del collo. Il medico potrebbe anche consigliare di procedere con esami quali TAC, risonanza magnetica ed ecodoppler, per comprendere più a fondo l’origine del tinnito nell’orecchio interessato. I trattamenti prescritti per l’acufene varieranno in base alle possibili cause scatenanti: la TRT; Tinnitus Retraining Therapy, può essere di aiuto nella generazione della”sound habituation”, ovvero della minore percezione del dell’acufene stesso.

01 aprile 2016

Test dell'udito online

Metti alla prova il tuo udito! Di seguito ti proponiamo un semplice e veloce test online puramente indicativo. Controllare la qualità dell'udito è un gesto di prevenzione importante per il benessere completo!

FAI IL TEST